I DUE VOLTI DI GENNAIO
Il mio voto 2

IN BREVE – Qualità: ★★(★) – Ritmo: OOO – Pubblico: cineamatori*, cinecuriosi*  TWEET Un thriller visivamente pregevole, ma piuttosto statico. LA TRAMA Siamo a metà degli anni ’60, Chester McFarland (Viggo Mortensen) è un truffatore di mezza età che assieme alla giovane moglie Colette (Kirsten Dunst) si trova in vacanza (o, più probabilmente, in fuga) ad Atene. Quando, ..

Summary 2.0 normal
Il mio voto 0
Summary rating from user's marks. You can set own marks for this article - just click on stars above and press "Accept".
Accept
Summary 0.0 bad

I DUE VOLTI DI GENNAIO

2014_59_I due volti di gennaio

IN BREVE – Qualità: ★★(★) – Ritmo: OOO – Pubblico: cineamatori*, cinecuriosi* 


TWEET

Un thriller visivamente pregevole, ma piuttosto statico.


LA TRAMA

Siamo a metà degli anni ’60, Chester McFarland (Viggo Mortensen) è un truffatore di mezza età che assieme alla giovane moglie Colette (Kirsten Dunst) si trova in vacanza (o, più probabilmente, in fuga) ad Atene. Quando, accidentalmente, uccide un investigatore privato sulle sue tracce, Chester si trova costretto, suo malgrado, a chiedere aiuto ad un ladruncolo del luogo, Rydal, affascinato dall’uomo, in cui rivede una figura paterna con cui non ha mai risolto i propri conflitti, e innamorato della moglie Colette. Doppi giochi, gelosie, inganni, violenza, sino ad una fuga finale per le strade di Istanbul, la tensione latente dell’inedito terzetto finirà per esplodere (Ondacinema.it).


IL COMMENTO

“I due volti di gennaio”, sin dalle prime sequenze trasporta lo spettatore nell’universo della scrittrice Patricia Highsmith, atmosfere classicamente thriller, omicidi, conflitti di classe, rapporti edipici irrisolti, orientamenti sessuali incerti, confini tra bene e male molto labili. Chi ha già letto qualche romanzo della grande scrittrice statunitense, o ha anche solo visto qualcuno degli adattamenti cinematografici di sue opere (su tutti “L’amico americano” di Wenders e “Il talento di Mr. Ripley” di Minghella) sa di cosa stiamo parlando. Secondo adattamento del romanzo del 1964 dopo una versione tedesca (inedita da noi), “I due volti di gennaio” rappresenta l’esordio dietro la macchina da presa dell’acclamato sceneggiatore Hossein Amini (che ha pennellato gli script di film come “Jude”, “Le ali dell’amore”, “Biancaneve e il cacciatore” e soprattutto l’instant cult “Drive“), che mostra mano capace nella direzione dell’ottimo terzetto di protagonisti, e utilizza con cognizione la suggestiva ambientazione partenopea, ma, paradossalmente, è abbastanza inerte proprio in fase di scrittura, mostrando di non avere la forza necessaria per staccarsi con fermezza dalla pagina scritta. L’insieme, per quanto impaginato in maniera elegante e professionale, risulta eccessivamente piatto e scolastico, e nemmeno il mestiere del cast riesce a dare vita a personaggi che oggigiorno suonano stereotipati e risaputi. Il duello psicologico, la rivalità, tra i due uomini non assurge mai al rango di tragedia contemporanea, la tensione sopita tra Chester e Rydal così ben descritta dalla Highsmith, resta un canovaccio immobile e piuttosto immotivato nella sceneggiatura di Amini, così come la reciproca gelosia nei confronti della bella Colette, che nonostante il maggiore spazio nella pellicola, rimane un personaggio marginale. Il ritmo dilatato, i lunghi confronti verbali contrapposti alla generale mancanza di “azione” e momenti sanguigni, fanno de “I due volti di gennaio” un thriller più anacronistico che davvero “classico”, un prodotto sin troppo “perfetto” e freddo, che gli spettatori faticheranno ad amare (Ondacinema.it)


SCHEDA ESSENZIALE

Titolo originale: The two faces of january – Genere: thriller – Durata: 1h36 – Regia: Hossein Amini – Cast: Viggo Mortensen, Kirsten Dunst, Oscar Isaac, Daisy Bevan, David Warshofsky – Produzione: Gran Bretagna, USA, Francia – Uscita: 9 ottobre 2014

Related posts

JOHN MCENROE. L’IMPERO DELLA PERFEZIONE

JOHN MCENROE. L’IMPERO DELLA PERFEZIONE

IN BREVE : Qualità: ★★ - Ritmo: O - Pubblico: per pochi (cinefili) - Affinità: maschile TWEET Un noioso documentario (per appassionati molto motivati) sul tennis straordinario di John McEnroe. Prevale purtroppo l’osservazione “scientifica” alla passione per l’epopea del geniale...

I FRATELLI SISTERS

I FRATELLI SISTERS

IN BREVE : Qualità: ★★★ - Ritmo: OO - Pubblico: per pochi (cinefili, cineamatori) - Affinità: maschile TWEET I “fratelli sorelle” sono il far west senza il west. Un buon film che forse delude gli appassionati del genere, ma che sceglie strade inconsuete quanto mai...

IL CORAGGIO DELLA VERITA’

IL CORAGGIO DELLA VERITA'

IN BREVE: Qualità: ★★★ - Ritmo: OOO - Pubblico: per molti (cineamatori, cinecuriosi, cinepopcorn) - Affinità: maschile/femminile TWEET Bianchi contro neri. Una storia di razzismo e di difficile convivenza sociale, scatenata dall’ennesimo omicidio nero ad opera di un poliziotto bianco...

Leave a comment