IL CORAGGIO DELLA VERITA’

IL CORAGGIO DELLA VERITA’

IN BREVE: Qualità: ★★★ – Ritmo: OOO – Pubblico: per molti (cineamatori, cinecuriosi, cinepopcorn) – Affinità: maschile/femminile

TWEET

Bianchi contro neri. Una storia di razzismo e di difficile convivenza sociale, scatenata dall’ennesimo omicidio nero ad opera di un poliziotto bianco. Coinvolgente ma fin troppo dimostrativa.

 

LA TRAMA

Starr Carter vive a Garden Heights, un quartiere popolare immaginario, ma molto reale, dell’America dei nostri giorni. Ha sedici anni e vive insieme alla sua famiglia felice, che ha saputo lasciarsi alle spalle un passato difficile fatto di carcere e delinquenza. Maverick, suo padre, ora ha un negozio di frutta e verdura e la stima dei suoi vicini di casa. Insieme a sua moglie, ha deciso di rimanere nel quartiere ghetto ma di offrire ai propri figli la possibilità di un futuro migliore, nelle ricche scuole dei bianchi.

Starr vive così una doppia vita, alternando hip hop e slang di quartiere alle forme e ai modi perbene dei suoi compagni di classe e di scuola. 

Tutto cambia quando il suo amico d’infanzia Khalil viene ucciso da un poliziotto bianco. Sarà l’occasione per ribellarsi al perbenismo bianco come alla violenza del ghetto, e per trovare un futuro nuovo che superi le distanze e le ingiustizie razziali.

IL COMMENTO

Torna il cinema americano a parlare di diritti umani, di razze, di polizia.

Dalle rivoluzioni degli anni ’60 ad oggi molto è cambiato e anche molto è rimasto uguale. Come diversi film non perdono l’occasione di sottolineare, negli Stati Uniti tutto cambia se nasci bianco o nero. 

Arriva un momento, ci mostra il film, in cui i genitori di colore insegnano ai propri figli come reagire ad un controllo di polizia. 

Mani sul cruscotto, distese, nessun movimento superfluo, nessuna sfida verbale. Un piccolo gesto può indurre la polizia a sparare. Qualcuno dice per errore, per paura. Qualcun altro dice che non aspettano altro i poliziotti bianchi, incattiviti contro i neri e contro la loro cultura.

Il coraggio della verità ci porta tra i quartieri malfamati, popolati da gang, dove la vita è appesa a un filo. E ci porta nelle scuole dei bianchi, dove il razzismo non esiste con questo nome, ma dove il pregiudizio resiste e crea barriere anche insormontabili.

Tra i due mondi vive la giovane Starr, proiettata in una vita che assume le maschere dei luoghi in cui vive. Un volto sorridente e magnetico che ci guida in una storia morale a tratti didascalica.

Si apprezza il tema sempre attuale, la denuncia decisa e necessaria, il ritmo rapido e godibile. Un po’ meno la struttura del racconto, fin troppo dimostrativo, i dialoghi a tratti banali, come in molti high school movie, e l’evoluzione piuttosto scontata e prevedibile della storia.

Tratto da un libro, ispirato a sua volta ad un fatto di cronaca del 2009 (l’omicidio di Oscar Grant in California, per opera di un poliziotto), Il coraggio della verità fa il suo dovere, rivolgendosi a un pubblico ampio, pronto ad emozionarsi per la coraggiosa scelta di Starr, a soffrire con lei assieme ai personaggi che le ruotano attorno, ma troppo “puliti” per essere veri.

Tra gli spunti meno superficiali del film, sfidanti anche per la nostra realtà sociale, è interessante come il regista di colore Tillman jr tratteggia la percezione che molti bianchi hanno della loro visione delle differenze di razza.

Nel club fortunato dei ricchi bianchi il pregiudizio razziale ha le forme autoassolutorie della sedicente apertura mentale. Non c’è nulla contro di loro, sembrano concedersi con benevolenza. Il poliziotto impaurito reagisce con violenza alla violenza che si aspetta di trovare. Fa il suo mestiere. Se sbaglia è per debolezza. Nella sua mente però ha già rubato il futuro dell’altro, costretto in una storia di disagio e sopravvivenza nel ghetto dello stereotipo bonario e giustificato che, come la notte, rende tutte le “vacche nere”.

SCHEDA ESSENZIALE

Titolo originale: The Hate u give – Genere: drammatico – Durata: 2h12 – Regia: George Tillman Jr. – Cast: Amandla Stenber, Regina Hall, Common, Sabrina Carpenter, Anthony Mackie – Produzione: USA – Uscita: 14 marzo 2019

Related posts

GLORIA BELL

GLORIA BELL

IN BREVE : Qualità: ★★★ - Ritmo: OOO - Pubblico: per pochi (cinefili, cineamatori, cinecuriosi) - Affinità: femminile TWEET Julianne Moore trascina questo film remake dell’omonimo film del 2013, firmato dallo stesso regista ma ambientato a Los Angeles. Storia di solitudini femminili e...

LA CASA DI JACK

LA CASA DI JACK

IN BREVE : Qualità: ★★★(★) - Ritmo: OO - Pubblico: per pochi (cinefili, cineamatori) - Affinità: maschile TWEET O lo ami. O lo odi. Difficile rimanere indifferenti. Von Trier torna con i suoi mondi scomodi e disturbanti.   LA TRAMA Siamo da qualche parte, in America, negli...

COPIA ORIGINALE

COPIA ORIGINALE

IN BREVE : Qualità: ★★★(★) - Ritmo: OOO - Pubblico: per pochi (cinefili, cineamatori) - Affinità: femminile TWEET La triste storia di un talento sprecato, provato dai ruvidi spigoli di un carattere burbero, solitario e intrattabile.    LA TRAMA New York, 1991. Lee Israel...

Leave a comment