IL DIRITTO DI UCCIDERE
Il mio voto 3

IN BREVE: Qualità: ★★★ – Ritmo: OOOO – Pubblico: per un po’ (cineamatori, cinecuriosi, cinepopcorn) – Affinità: maschile   TWEET In guerra coi droni. Un dietro le quinte avvincente, nella guerra tecnologica al terrorismo.   LA TRAMA Nairobi. In un quartiere militarizzato, in periferia di Nairobi, si incontrano in una abitazione privata tre cellule terroristiche tra le più ricercate ..

Summary 3.0 good
Il mio voto 0
Summary rating from user's marks. You can set own marks for this article - just click on stars above and press "Accept".
Accept
Summary 0.0 bad

IL DIRITTO DI UCCIDERE

2016_43_Il diritto di uccidere_locandina

IN BREVE: Qualità: ★★★ – Ritmo: OOOO – Pubblico: per un po’ (cineamatori, cinecuriosi, cinepopcorn) – Affinità: maschile


 

TWEET

In guerra coi droni. Un dietro le quinte avvincente, nella guerra tecnologica al terrorismo.


 

LA TRAMA

Nairobi. In un quartiere militarizzato, in periferia di Nairobi, si incontrano in una abitazione privata tre cellule terroristiche tra le più ricercate del mondo.

Contemporaneamente, collegati attraverso droni spia, segue la scena una “war room” londinese, fatta di politici, avvocati e militari, pronta ad intervenire, sganciando una bomba di precisione, capace di ridurre al minimo gli effetti collaterali sulla popolazione civile.

Ma la presenza di una bambina innocente, proprio nei pressi del territorio su cui la bomba impatterebbe, renderà la decisione molto più difficile.


 

IL COMMENTO

Eye in the Sky (questo è il titolo originale) è un film di guerra senza guerra. O meglio, è un film che racconta uno degli aspetti più straordinari, se mai questo aggettivo si può utilizzare riferito a questo tipo di eventi, della guerra contemporanea. La tecnologia.

Il fronte non è più costituito da soldati, da corpi che si scontrano o territori contesi, ma in gran parte da piccoli droni, controllati a distanza. Droni di dimensioni impensabili, a forma di uccellino o di scarabeo, miracoli tecnologici capaci di insinuarsi nelle abitazioni nemiche per scoprire chi le abita.

Dall’altra parte della telecamera, seduti in poltrona, una platea ristretta di militari e di uomini di potere, appoggiati ad una scrivania, collegati ad un computer, pronti ad impartire la vita o la morte in diretta.

La guerra così diventa un film, filtrata da uno schermo. Con attori, reali, e spettatori, registi di un destino. Una guerra da scrivere a sangue freddo.

In questo nuovo modo di combattere, si insinua una selva di dubbi che mettono alla prova le procedure, ribaltando la logica dei numeri e sfidando, nel profondo, l’umana compassione.

C’è un tema militare, legale e politico. L’ok allo sgancio di una bomba deve soddisfare gli equilibri internazionali, l’opinione pubblica, la strategia militare e, in ultimo, deve placare i bisogni emotivi del “salotto di potere”, trasformando il senso di colpa in un quanto mai opportuno danno collaterale.

E a dire il vero, per come è raccontato il film, nonostante il tentativo di farci avvicinare e affezionare alle vittime innocenti, il danno collaterale sembra davvero poca cosa rispetto al presagio terroristico, che spinge all’azione.

Gavin Hood ci tiene incollati al drone, con la sensazione che, da un momento all’altro, potrebbe essere troppo tardi.

Dall’alto, l’area su cui sganciare la bomba, diventa un microcosmo privato di storie rubate. Vite appese a un pulsante schiacciato o a un bivio in strada, che può fare la differenza tra vivere e morire.

In questo spettacolo di guerra, Hood ci mostra il teatrino del potere, perso nell’ordinario della politica di rappresentanza o della codardia decisionale. Tra loro Helen Mirren, comandante decisionista dalle idee molto chiare, conquista la scena, sfidando le regole.

Un buon film che, con qualche superflua ironia, mette in campo interrogativi stringenti che trovano risposte forse un po’ troppo univoche e semplificatorie.

Ma il sasso, ben più grande di un sassolino, lo lancia. E trova terreno fertile di riflessione, dominata dalle tragiche notizie di attualità.


 

SCHEDA ESSENZIALE

Titolo originale: Eye in the Sky – Genere: guerra – Durata: 1h42 – Regia: Gavin Hood – Cast: Helen Mirren (The Queen), Aaron Paul, Alan Rickman, Barkhad Abdi, Jeremy Northam – Produzione: Gran Bretagna – Uscita: 25 agosto 2016

 

TAG

 

 

Related posts

PETS 2 VITA DA ANIMALI

PETS 2 VITA DA ANIMALI

IN BREVE : Qualità: ★★★ - Ritmo: OOO - Pubblico: per molti (cineamatori, cinecuriosi, cinepopcorn, cinefamiglie) - Affinità: maschile/femminile TWEET Grasse rotondità e pungenti linearità segnano la storia animata dei personaggi “domestici” di questo divertente cartoon digitale. Dai...

ROCKETMAN

ROCKETMAN

IN BREVE : Qualità: ★★★(★) - Ritmo: OOO - Pubblico: per molti (cineamatori, cinecuriosi - )Affinità: maschile/femminile TWEET Musica e paillettes. La storia privata e pubblica di una delle più grandi star del rock&pop divergente.    LA TRAMA Elton Hercules John si...

IL TRADITORE

IN BREVE : Qualità: ★★★(★) - Ritmo: OOO - Pubblico: per un po’ (cinefili, cineamatori, cinecuriosi) - Affinità: maschile TWEET Un bel film, guidato dalla camaleontica personalità di Pierfrancesco Favino che ben si adatta alla lunga e movimentata vita di Buscetta. Una storia di...

Leave a comment